Get Adobe Flash player

Accesso Utenti

Traduttore

itafsqarbebgzh-CNhrcsenfrdeptrorues

Cerca

COME COMUNICHIAMO CON I NOSTRI FIGLI? PERCHE' CONTINUA AD NON ASCOLTARMI?....PERCHE' DEVO RIPETERE SEMPRE LE STESSE COSE?...

Nella mia esperienza clinica e facendo ricerca si individuano all'interno delle famiglie, due approcci relazionali tra "figli e genitori" che sono stati denominati "vinci - Perdi"...Ciascuno di essi comporta la "sconfitta di una persona e la vincita dell'altra". Sono metodi, descritti dalla letteratura, poco efficaci per aiutare i propri figli a crescere in modo responsabile e maturo.

Vi illustro brevemente le dinamiche per riflettere insieme a voi.

Il primo Metodo I "Vinci e Perdi" : il genitore e il figlio devono fronteggiare una situazione in cui i bisogni dell'uno e quelli dell'altro entrano in collisione. Il genitore decide quale debba essere la soluzione che, una volta scelta, viene comunicata al figlio augurandosi che egli vi aderisca.

Se il figlio non condivide la soluzione, può darsi che il genitore cerchi dapprima di persuaderlo ad accettarla, ma se continua a negare la propria approvazione, solitamente il genitore cerca di imporre la condiscendenza del figlio ricorrendo al proprio potere e autorità

Vediamo un tipo di dialogo tra un figlio di 12 anni e un genitore che usa il Metodo I definito un metodo autoritario, dove il genitore usa il suo potere per controllare e decidere sul proprio figlio

CARLA ciao , vado a scuola

MADRE cara sta piovendo e non hai preso l'ombrello

FIGLIA non ne ho bisogno

MADRE come non ne hai bisogno sta diluviando, ti bagnerai tutta e prenderai un raffreddore

FIGLIA non sta piovendo forte

MADRE eccome non sta piovendo

FIGLIA non lo prendo, odio gli ombrelli

MADRE cara sai bene che ti riparerà dalla pioggia ed eviterai di bagnarti tutta e poi potrai stare male. non ti lascerò andare via, se non prendi l'ombrello.....

FIGLIA ho detto di no

MADRE non voglio sentire storie, vai in camera tua e prendi l'ombrello, non voglio sentire nessun "ma" o "se", se non lo prendi tuo padre ed io siamo costretti a punirti.

FIGLIA va bene, hai vinto. Prenderò quel orribile ombrello!!!!

Questo quadro relazionale, il genitore vince e la figlia perde,. La figlia non era affatto contenta della soluzione, ma adotta un comportamento di resa di fronte alla minaccia del genitore di ricorrere al proprio potere (punizione).

Andiamo a vedere le conseguenze di questo metodo con i propri figli:

risentimento nei confronti del genitore

difficoltà ad imporsi di fronte alle scelte 

scarsa opportunità per il figlio di sviluppare la capacità di autodisciplinarsi.

Quando un genitore impone la propria soluzione di un conflitto, il figlio avrà ben poco motivo o desiderio di aderire a quella decisione non avendo alcun vantaggio a farlo; non gli è stata offerta alcuna opportunità di pronunciarsi per esprimere il proprio parere.. Qualsiasi motivazione del figlio è estrinseca, esterna alla sua persona. Può darsi che egli finisca con l'assecondare il genitore, ma solo perchè teme la sua punizione o disapprovazione. Di solito i figli che vivono questo tipo di relazione con i genitori, si sentono Vittime di un' ingiustizia.

Prossimo articolo descriverò un altro secondo Metodo definito poco funzionale se usato con i propri figli.

 

 

 

 

 

https://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2019/06/12/news/genitori_millennials_per_uno_su_tre_la_gentilezza_e_un_valore_da_trasmettere_ai_figli-228591853/?refresh_ce

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Copyright Stefania Stocchino © 2015. All Rights Reserved.

Stefania Stocchino Ordine Psicologi Piemonte - Nr. 4569

Telefono: +39 340 6209936 Mail: psicologastefaniastocchino@gmail.com